moto eléctrica PandaGo

Esempi di mobilità sostenibile: tipologie e un esempio da evidenziare

Alla Conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Sostenibile del 2012, Ban Ki-moon ha osservato che “la mobilità sostenibile non è solo un’opzione, è una necessità se vogliamo lasciare un pianeta vivibile alle generazioni future”.

L’ex Segretario generale non si sbagliava. Secondo la Banca Mondiale, più del 56% della popolazione vive in aree urbane e si stima che entro il 2050 più del 70% della popolazione mondiale vivrà in aree urbane. Nell’attuale contesto di riscaldamento globale e di necessità di ridurre le emissioni di gas serra, la mobilità urbana sostenibile o mobilità sostenibile è una delle principali sfide che le aree urbane di oggi devono affrontare.

 

In questo articolo esamineremo i tipi di mobilità sostenibile esistenti e analizzeremo la città di Barcellona come esempio della loro applicazione.

Si fidano di noi

glovo
telepizza
taco-bell
kfc

1. Quali sono i tipi di mobilità sostenibile?

La mobilità sostenibile si divide in due gruppi principali: veicoli non motorizzati e veicoli motorizzati. La mobilità sostenibile non motorizzata comprende:

  • Camminare: è una forma di mobilità sostenibile, in quanto non emette gas inquinanti e non richiede combustibili fossili. Promuovere gli spostamenti a piedi come forma di mobilità può migliorare la salute delle persone e ridurre l’impronta di carbonio.
  • Biciclette e ciclismo: sono un tipo di mobilità sostenibile, in quanto non emettono gas inquinanti e non richiedono combustibili fossili. Inoltre, le infrastrutture per le biciclette e le piste ciclabili possono ridurre la congestione del traffico e migliorare la qualità dell’aria.

I tipi di mobilità motorizzata sostenibile includono:

  • Trasporto pubblico: il trasporto pubblico consente alle persone di spostarsi in modo efficiente ed economico senza dover utilizzare un veicolo privato. I sistemi di trasporto pubblico possono includere autobus, tram, metropolitana e treni. È importante notare che c’è una grande spinta per elettrificare il trasporto pubblico e ridurre le sue emissioni.
  • Veicoli elettrici: si tratta dell’alternativa più sostenibile ai veicoli con motore a combustione interna, in quanto non emettono gas di scarico, sono più efficienti dal punto di vista energetico ed è dimostrato che sono più convenienti per le aziende.
  • Car sharing: che si tratti di car pooling, car sharing o ride-hailing, è un modo per ridurre il numero di veicoli sulle strade, riducendo la congestione e le emissioni inquinanti.
 

Questi sono alcuni esempi di mobilità sostenibile, ma esistono altre alternative e misure che possono essere implementate per migliorare la sostenibilità dei trasporti e ridurre l’impatto ambientale.

2. Barcellona: un esempio di mobilità sostenibile

Barcellona è una città che da tempo sta compiendo passi importanti verso la mobilità sostenibile e ha un’amministrazione locale che sviluppa piani strategici specifici e completi con l’obiettivo di raggiungere un modello di mobilità sostenibile efficiente.

Una vasta rete di oltre 200 chilometri di piste ciclabili si estende in tutta la città. Inoltre, la città ha creato corridoi verdi, che sono spazi dedicati alle biciclette e ai pedoni che si estendono dal centro alla periferia.

Per quanto riguarda i trasporti pubblici, la città dispone di una vasta rete di metropolitana, autobus e tram, che trasportano milioni di passeggeri ogni anno.

D’altra parte, il Comune ha attuato misure per incoraggiare l’uso di veicoli elettrici e ridurre l’uso di veicoli con motore a combustione interna. Nel 2017, Barcellona ha istituito una zona a basse emissioni nel centro della città, dove sono ammessi solo i veicoli con bassi livelli di emissioni. Inoltre, è aumentato il numero di stazioni di ricarica in tutta la città.

Con l’aumento della circolazione dei veicoli per le consegne, Barcellona ha lanciato una Strategia Municipale per la Distribuzione Urbana dei Beni (DUM) 2030 con dieci obiettivi per rendere più efficiente e sostenibile la consegna degli ordini e delle merci in città. Gli obiettivi fissati comprendono la riduzione del 50% delle emissioni dei veicoli per le consegne entro il 2030 e la promozione della ricerca e della creazione di soluzioni tecnologiche e di innovazione legate alla distribuzione urbana delle merci.

Barcellona mira a ridurre le emissioni di anidride carbonica del 40% entro il 2030 e a diventare una città a emissioni zero entro il 2050. Per raggiungere questo obiettivo, la città ha attuato misure, oltre al DUM, come la promozione della mobilità sostenibile, la promozione dell’efficienza energetica negli edifici e la promozione delle energie rinnovabili. Infatti, nel 2019, è stata nominata Capitale Europea dell’Innovazione per il suo impegno nella mobilità sostenibile e nell’innovazione tecnologica.

La promozione della mobilità sostenibile aumenta la qualità della vita nelle aree urbane e riduce le emissioni e l’inquinamento. Inoltre, la mobilità sostenibile, compresa la sostituzione dei veicoli a combustibile fossile con motori elettrici, può generare significativi benefici economici a lungo termine.

PandaGo

PandaGo

Potreste essere interessati a

Solicita una llamada

Richiedi una chiamata